Via allo shopping

Oggi, 25 luglio, iniziano ufficialmente i saldi in Piemonte

Decisione presa di concerto con i commercianti per non farsi beffare dalla Lombardia.

Oggi, 25 luglio, iniziano ufficialmente i saldi in Piemonte
Torino, 25 Luglio 2020 ore 17:55

Oggi, 25 luglio, iniziano ufficialmente i saldi in Piemonte. Decisione presa di concerto con i commercianti per non farsi beffare dalla Lombardia.

Oggi, 25 luglio, iniziano ufficialmente i saldi in Piemonte.

La Giunta regionale del Piemonte ha modificato attraverso una delibera la data di inizio dei saldi che prendono ufficialmente il via oggi, sabato 25 luglio, e non il 1º agosto come precedentemente stabilito.

Iniziano i saldi

Recentemente – spiega l’assessore regionale al Commercio, Vittoria Poggio – per sostenere la ripartenza e la ripresa del commercio piemontese e venire incontro alle esigenze degli esercizi commerciali nell’attuale e straordinaria fase emergenziale sanitaria, sociale ed economica, abbiamo adottato una serie di misure straordinarie, come il posticipo dei saldi estivi al 1º agosto e l’autorizzazione per le vendite promozionali nei trenta giorni antecedenti le vendite di fine stagione. Tuttavia, alla luce di una ulteriore evoluzione del quadro economico generale, di un attento approfondimento specifico e settoriale e di un costante confronto con il settore del commercio piemontese, si è infine deciso di anticipare l’inizio dei saldi a sabato 25 luglio, di concerto con gli operatori, segnatamente in relazione al settore moda e abbigliamento.

Non farsi beffare dalla Lombardia

La decisione relativa alla possibilità per le Regioni di anticipare la data dei saldi – continua l’assessore Poggio – è stata presa nel corso della Conferenza Stato-Regioni di lunedì 20 e il Piemonte si allinea con questa scelta alle Regioni confinanti come la Lombardia, con lo scopo di favorire in ogni modo possibile la ripartenza e la crescita del settore in un contesto e quadro socio-economico purtroppo fortemente critico.

Le aspettative e gli sconti

Le aspettative dei commercianti torinesi sono nel complesso ottimistiche, nonostante ci sia la consapevolezza che i mancati guadagni legati al lockdown non verranno ripianati. C’è inoltre da tenere in considerazione la situazione economica di molti nuclei familiari, che durante il lockdown sono andati incontro a grossi problemi economici. La speranza è che si tratti di un’ulteriore passo verso il ritorno alla normalità.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità