Economia
Valprato Soana

Senza neve ripensiamo al turismo in Valle

"Come Comune stiamo lavorando al progetto “SkiAlp” con la Fondazione Crt e l’Università di Torino: uno studio sull’impatto economico, sociale e ambientale relativo alle microstazioni all’altezza di circa 1500 metri".

Senza neve ripensiamo al turismo in Valle
Economia Alto Canavese, 21 Gennaio 2023 ore 08:54

Senza neve ripensiamo al turismo in Valle a Valprato Soana una fase di riflessione

Senza neve

Se ne parla già da qualche settimana, ma la situazione non sembra migliorare significativamente: in montagna la carenza di neve rende faticosa l’apertura degli impianti sciistici. I report nazionali di alcuni giorni fa mettevano in risalto la problematica soprattutto per quanto riguarda le località appenniniche, che trovandosi a quote più basse rispetto a quelle alpine, soffrono anche maggiormente le insolite alte temperature. Si è così cominciato a discutere di ristori, e molti già si chiedono come si affronterà la questione sul lungo periodo, in un Paese in cui il turismo sciistico è il più redditizio d’Europa.

Valli Orco e Soana

Come già si è segnalato in precedenza su queste pagine, il problema ha colpito anche località delle valli Orco, Lanzo e Soana come Ceresole, Balme e Piamprato (nel Comune di Valprato).
«Gli investimenti fatti negli anni per le stazioni sciistiche servono a mantenere l’economia locale, legata a tutte le attività commerciali che ruotano attorno al turismo invernale - spiega Francesco Bozzato, sindaco di Valprato - Nel nostro caso, ne sono coinvolti anche i comuni limitrofi come Ronco. Gli alberghi in sè erano pieni durante le feste, ciò che è mancato un po’ è il turismo delle seconde case».

I nuovi progetti

Cosa fare dunque? «Come Comune di Valprato stiamo lavorando al progetto “SkiAlp” con la Fondazione Crt e l’Università di Torino (e in collaborazione con il Comune di Balme) che consiste in uno studio sull’impatto economico, sociale e ambientale relativo alle microstazioni poste all’altezza di circa 1500 metri, come quella di Piamprato. Ciò serve a valutare se questi impianti potranno sopravvivere in futuro, se si tratta di periodi ciclici, o se invece, a causa del cambiamento climatico bisognerà cambiare totalmente logica; è uno studio che darà risultati almeno tra un anno e mezzo. Sicuramente si deve porre una riflessione: è già il secondo anno in cui ci troviamo in questa situazione. Ad oggi il grosso contributo arriva dalla Regione, ma bisogna capire fino a che punto è sostenibile questa cosa, fino a che punto ha senso aprire gli impianti a tutti i costi con grande impiego di fondi pubblici». Bozzato rivela però di aver già maturato una propria visione a lungo termine: «Sono dell’idea che dobbiamo puntare sempre di più su un turismo di tipo estivo, che ha certamente costi molto inferiori rispetto a quello invernale e ha un target più vasto, anche perché lo sci mi sembra stia tornando ad assere un attività di nicchia, dati gli alti costi che comporta per una famiglia media».

Seguici sui nostri canali