Oglianico

Il Coronavirus cancella anche le Idi di Maggio 2020… arrivederci al prossimo anno

Il Coronavirus cancella anche le Idi di Maggio 2020… arrivederci al prossimo anno
Rivarolo, 29 Marzo 2020 ore 17:16

Il Coronavirus cancella anche le Idi di Maggio 2020, una scelta sofferta quella della Pro loco costretta a rimandare la 40esima edizione della manifestazione al prossimo anno.

Il Coronavirus cancella anche le Idi di Maggio 2020

Un altro importante evento del territorio si arrende all’emergenza Coronavirus. Nel 2020 niente rievocazione storica ad Oglianico, con il comitato organizzatore guidato dalla loro Pro loco che ha deciso di sospendere per quest’anno le «Idi di Maggio» e di posticiparle al 2021. Anche perché il prossimo rappresenta un evento davvero molto speciale, dato che si tratterebbe della 40esima edizione.

Decisione a malincuore

«La sicurezza e l’incolumità di tutti, ma anche il rischio di perdere i soldi che vanno investiti in una manifestazioni di questo tipo – dicono dall’associazione turistica locale oglianicese – ci hanno spinto a prendere una decisione drastica, ma consapevole. Ci sarà modo e tempo per festeggiare e divertirsi. Adesso affrontiamo il problema che ci accomuna e tocca tutti noi».

Arrivederci al 2021

La presentazione ufficiale era stata programmata per il prossimo 18 aprile, mentre il primo evento importante, con la posa del maggio, sarebbe andata in scena invece ad inizio maggio. Viste le voci di proroga del blocco che già la scorsa settimana caratterizzavano il Canavese ed il Piemonte, si è quindi deciso di spostare tutto di 12 mesi. Anche l’iniziativa «Messer Chef», che era stata lanciata solo qualche settimana fa, viene «congelata». «Non possiamo escludere che se le cose miglioreranno non si decida di fare almeno un momento in allegria tutti assieme, come la “Cena d’auspicio”. Il resto, però, è giusto che ce lo godiamo tutti assieme in armonia e spensieratezza, mentre adesso il clima che si respira è ben diverso».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità