eventi

Patronale di Volpiano, festa rimandata a settembre

Il sindaco De Zuanne: "L'intenzione è organizzare la Festa".

Patronale di Volpiano, festa rimandata a settembre
Volpiano, 23 Giugno 2020 ore 16:53

Patronale di Volpiano, festa rimandata a settembre insieme ad altri eventi.

Patronale di Volpiano

A Volpiano per la festa patronale dei santi Pietro e Paolo non sono previsti il luna park e i tradizionali appuntamenti musicali e gastronomici organizzati da coscritti e Pro Loco, ma domenica 28 giugno l’amministrazione comunale interviene alla messa delle ore 10 nella chiesa parrocchiale e, a seguire, di fronte al municipio si svolgono le cerimonie di consegna della Costituzione ai Coscritti 2002 (neodiciottenni) e di ringraziamento a tutti coloro che hanno operato durante l’emergenza Covid-19.

Sicurezza

«Che io ricordi – commenta il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne – per la prima volta la festa patronale si svolge senza momenti musicali e stand gastronomici in piazza. Il numero di casi positivi ancora presenti a Volpiano e, purtroppo, di nuovi contagiati nelle ultime settimane, sebbene limitati, ci impone di evitare ogni occasione di assembramento, a garanzia della salute di tutti, e anche il programma di luglio, che intendeva riproporre il cinema e gli spettacoli musicali abbinandoli a una “festa della birra”, è stato cancellato; per organizzare in sicurezza una manifestazione con tanta partecipazione è necessario che siano trascorsi 14 giorni dal “contagio zero”, e nel nostro caso ciò non è ancora avvenuto.

Confronto

«Nei giorni scorsi abbiamo avuto una riunione con i rappresentanti dei Coscritti 2002, della Pro Loco, dei borghi e dell’associazione Tavola di Smeraldo che quest’anno avrebbe dovuto allestire il De Bello Canepiciano; si è deciso di organizzare una “Festa di Volpiano” a settembre, condensando in un unico evento tutti gli appuntamenti cancellati a causa dell’epidemia, sia per consentire ai coscritti del 2002 di vivere la gioia del passaggio alla maggiore età come le leve precedenti, condividendola con il paese, e sia per coinvolgere associazioni e borghi in un unico appuntamento che possa rappresentare un’occasione per ripartire tutti insieme. A tal proposito abbiamo anche incontrato i giostrai, su loro richiesta, per verificare le disponibilità per il periodo di settembre e per ragionare di un possibile indennizzo per la mancata festa patronale di Volpiano, trattandosi di una categoria di operatori particolarmente colpita dall’emergenza coronavirus».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità