Politica
Giudiziaria

Archiviata la denuncia a carico dell'ex sindaco ed ex giunta di Valperga

Nessun abuso di potere è stato rilevato nella collocazione del nuovo punto luce vicino alla casa di Gabriele Francisca.

Archiviata la denuncia a carico dell'ex sindaco ed ex giunta di Valperga
Politica Alto Canavese, 27 Febbraio 2021 ore 10:29

Archiviata la denuncia a carico dell'ex sindaco ed ex giunta di Valperga. Nessun abuso di potere è stato rilevato nella collocazione del nuovo punto luce vicino alla casa di Gabriele Francisca.

Archiviata la denuncia a carico dell'ex sindaco ed ex giunta di Valperga

E’ stata archiviata la denuncia a carico dell'ex sindaco di Valperga, Gabriele Francisca, e degli allora assessori Giovanni Milani, Monica Vittone e Ivo Chabod. Erano finiti sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti dopo un esposto presentato dai consiglieri di minoranza, Davide Brunasso Cassinino e Giuliano Arimondo. Una battaglia a colpi di «carte bollate» scatenata dal passaggio a comunale della strada in borgata Trucchi Vignanuova con la collocazione di un nuovo punto luce nei pressi dell’abitazione dell’ex primo cittadino.

Il commento dell'ex primo cittadino

«Anche l’ultimo giudice incaricato dal Tribunale di Ivrea ha deciso di archiviare la loro denuncia - commentano Gabriele Francisca, Giovanni Milani, Monica Vittone e Ivo Chabod - l'oggetto della denuncia riguardava il passaggio da strada vicinale a strada comunale con installazione di un nuovo palo della luce nei pressi dell’abitazione del sindaco ma nessun abuso di potere è stato rilevato. Non ci resta che invitare i due esperti consiglieri a prodigarsi in Consiglio comunale per proposte costruttive, abbandonando gli istinti persecutori che hanno contraddistinto le loro azioni volte unicamente a demolire o screditare gli avversari per sete di potere. Non sarebbe una cattiva idea se i due esperti in denunce mal riposte lasciassero il posto in consiglio comunale a persone più avvedute e costruttive, l’Italia come noto ha bisogno di persone responsabili all’interno delle istituzioni, a partire dai piccoli comuni».

La replica di Giuliano Arimondo e Davide Brunasso

«Prendiamo atto della chiusura delle indagini penali durate oltre quattro anni e per le quali comunque si è arrivati alla discussione davanti al GIP che ha rimesso la materia alla giustizia amministrativa - replicano Arimondo e Brunasso - Rivolgersi alla magistratura è l’unico modo di poter agire quando viene completamente preclusa l’attività delle minoranze. Confrontandoci con l’ex Vice Sindaco Buffo (che peraltro non ha firmato il comunicato) parrebbe che alcune cose non tornino, ci potrebbero esseri nuovi elementi. Ricordiamo agli scriventi che rimane infatti ancora aperta l’istruttoria in sede amministrativa presso la Corte dei Conti. I soldi che si amministrano sono soldi di tutti e non di una parte. Rimane il giudizio politico. Inopportuno far installare un palo della luce che dia agio all’ingresso dell’abitazione di un Sindaco e le cui spese di illuminazione vengono pagate da tutti i cittadini. Ma i cittadini di Valperga hanno compreso. Come mai non si è più candidato il Sindaco Francisca se era così sereno e tranquillo, come mai Vanni Milani, Ivo Chabod e la ex Segretaria del circolo PD ora in Italia Viva, Monica Vittone, se la sono data a gambe, nascondendosi all’elettorato? Se vogliono il chiaro giudizio dei cittadini mettendosi in luce (è proprio il caso di dirlo) si candidino, noi siamo sempre pronti al confronto, forti del nostro consenso e non avendo scheletri nell’armadio».