amministrazione

Bollengo, approvato il bilancio triennale 2021-2023

Colmato uno sbilancio di ca 70.000 euro

Bollengo, approvato il bilancio triennale 2021-2023
Politica Ivrea, 02 Gennaio 2021 ore 00:50

Il Consiglio Comunale di Bollengo ha approvato nella seduta di martedì 29 dicembre il bilancio triennale 2021-2023, con voto favorevole della maggioranza e l’astensione della minoranza.

Approvato il bilancio triennale 2021-2023

Il Consiglio Comunale di Bollengo ha approvato nella seduta di martedì 29 dicembre il bilancio triennale 2021-2023, con voto favorevole della maggioranza e l’astensione della minoranza. Il bilancio pareggia su 3.735.747,55 euro, dei quali 1.291.500,00 per investimenti e 509.941 per partite di giro.
Introducendo la sua relazione, il Sindaco Luigi Sergio Ricca ha voluto esprimere un apprezzamento per il Responsabile della ragioneria dr Luca Gaspardo Moro per il lavoro svolto, in tempi ristretti, essendo da poche settimane responsabile dell’ufficio a tempo pieno, per di più con un impegno straordinario nella gestione dei fondi Covid19.

Colmato uno sbilancio di ca 70.000 euro

“Il bilancio 2021 – ha ammesso il Sindaco Ricca – è stato “quadrato” con grandi difficoltà: vi è stata infatti la necessità di colmare uno sbilancio generato essenzialmente da due eventi, oltre a maggiori oneri per stipula di mutui per la realizzazione di opere pubbliche: uno, quello straordinario determinato dalla pandemia, con determinazione di maggiori costi gestionali di alcuni servizi, quali ad esempio il centro estivo, il pre-post scuola, e l’altro dovuto all’esternalizzazione forzata del servizio mensa causa la non disponibilità di soggetti a livello locale di fornire il personale richiesto per la gestione della cucina.”
Si è trattato di recuperare uno sbilancio di ca 70.000 euro che è stato colmato con la riduzione di alcune spese, favorita anche dal fatto che alcune attività, perdurando la situazione Covid19, non saranno svolte, e ricorrendo all’utilizzo, a pareggio della spesa corrente, di una quota, pari a 16.200 euro, degli oneri di urbanizzazione previsti in entrata.

Tariffe invariate

La decisione è dovuta alla scelta di NON aumentare nessuna delle tariffe dei servizi e delle tasse di competenza comunale: restano così invariate sia il costo dei buoni pasto, sia le tariffe del pre-post scuola, che l’addizionale comunale sull’Irpef e la tariffa TARI per la raccolta dei rifiuti. “Una scelta, dice il Sindaco Ricca, che abbiamo fermamente perseguito anche per non aggravare le spese delle famiglie già molto in sofferenza per le ripercussioni sulla situazione socio economica della vicenda pandemica che da quasi un anno ha colpito il nostro paese ed il mondo.” Così come restano garantiti i servizi in ambito sociale con il Consorzio INRETE, oltre all’assistenza scolastica specialistica per soggetti con problematiche particolari, gli interventi per lavori socialmente utili, il contributo per il piano colore a chi effettua manutenzione delle facciate in centro storico, l’impegno a sostegno delle Associazioni locali (Anziani, Filarmonica, Alpini, Pro Loco) e delle attività culturali. Per quanto riguarda l’agricoltura viene mantenuto il servizio talpaio, oltre ad una continuativa attenzione anche alla viabilità rurale.

Investimenti

Questo non ha però impedito di prevedere un piano di investimenti di grande rilievo, per un importo complessivo di 1.291.500,00 euro, in gran parte coperto da contributi dello Stato, che sarà cura ed impegno dell’Amministrazione comunale portare a compimento. Investimenti che riguardano in particolare la manutenzione straordinaria del territorio, sia per quanto attiene l’aspetto ambientale (si vuole valorizzare la sentieristica sulla Serra) e di stabilità, in particolare sul versante della Serra, sia per quanto riguarda la viabilità, la sua sicurezza, con la realizzazione di un muro di sostegno in via Giovanni Cossavella e la realizzazione di collegamenti alternativi come il nuovo ponte di attraversamento del Rio Reale il località San Bernardo. Si prevede inoltre il rafforzamento della dotazione informatica del Comune, un ampliamento della rete di videosorveglianza e l’acquisto di un nuovo camion per il servizio di manutenzione stradale gestito direttamente dal Comune. Alla Regione Piemonte si richiederà di intervenire con un finanziamento per la manutenzione straordinaria della chiesa dei SS Pietro e Paolo sulla Via francigena. Con questo documento l’Amministrazione comunale assume un impegno forte, per sé e per quella che subentrerà a metà dell’anno prossimo in seguito al rinnovo dell’attuale mandato amministrativo.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità