Menu
Cerca
mazze/caluso/rondissone

Deposito nucleare, la Città Metropolitana al lavoro sulla documentazione Sogin

Il vicesindaco Marocco: "Produrre evidenze che dimostrino la non idoneità del sito di Carmagnola e di quello di Mazzè".

Deposito nucleare, la Città Metropolitana al lavoro sulla documentazione Sogin
Politica Alto Canavese, 15 Gennaio 2021 ore 15:41

Deposito nucleare, la Città Metropolitana al lavoro sulla documentazione Sogin per la presentazione delle osservazioni alla Carta delle 67 aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito.

Città Metropolitana al lavoro sulla documentazione Sogin

Per la Città Metropolitana di Torino la settimana che era iniziata con la riunione tra alcuni parlamentari piemontesi e i Sindaci potenzialmente interessati all'ubicazione in Piemonte del sito per il deposito nazionale unico di scorie radioattive si chiude con l’avvio del lavoro del gruppo di tecnici dell’Ente, che affiancheranno i Comuni per la presentazione delle osservazioni alla Carta delle 67 aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito.

Le parole del vicesindaco Marocco

Il Vicesindaco metropolitano Marco Marocco annuncia che “per esaminare nel dettaglio la documentazione pubblicata dalla società Sogin nel suo sito Internet abbiamo richiesto un accesso agli atti, che dovrebbe consentire ai nostri tecnici di proporre osservazioni basate su dati di fatto, che dimostrino la non idoneità del sito di Carmagnola e di quello di Mazzè ad ospitare il deposito”. “Nella riunione di lunedì scorso, - sottolinea il Vicesindaco Marocco - e già in un precedente incontro con i Sindaci il nostro Ente ha preso un impegno ben preciso: supportare le amministrazioni locali con la messa in campo delle professionalità presenti al nostro interno per valutare i punti deboli della documentazione prodotta da Sogin, in modo da elaborare nel minor tempo possibile osservazioni plausibili e fondate. Stare concretamente dalla parte dei territori e di chi li amministra è per noi un dovere istituzionale”.