Politica
dopo le parole di conte

Il deputato Giglio Vigna sul MES: "Se l'Italia attivasse il MES verrebbe di fatto commissariata"

Politica Ivrea, 29 Marzo 2020 ore 17:29


Il Deputato Alessandro Giglio Vigna descrive il punto di vista della Lega sul Meccanismo Europeo di Stabilità.

"Se l'Italia attivasse il MES verrebbe di fatto commissariata"

Il deputato Alessandro Giglio Vigna spiega il funzionamento del Mes e mette in guardia sulle possibili conseguenze: "Quindi se l'Italia attivasse il MES verrebbe di fatto commissariata perchè questo meccanismo imporrebbe all'Italia correzioni sulla politica economica, aumento di tasse, taglio di servizi".

Le parole di Giglio Vigna

Il MES è un'organizzazione internazionale a carattere intergovernativo, l'acronimo sta per Meccanismo Europeo di Stabilità, nata come fondo finanziario europeo per la stabilità finanziaria della zona euro, l'Italia attualmente è parte di questa organizzazione e come membro ha già versato ingenti finanziamenti ad essa, perchè appunto sono i paesi membri a finanziarlo. Alla guida del MES vi sono due organi: il Consiglio dei Governatori, composto dai Ministri delle Finanze dei paesi membri e il Consiglio di Amministrazione (CdA) composto dalla Troika, un seggio alla BCE, un seggio alla Commissione Europea e un seggio al FMI.
I paesi membri possono attivare il MES, ovvero chiedere un prestito: faccio notare però che i paesi quindi chiedono in prestito i soldi che hanno già versato al MES; il meccanismo concede il prestito ma la contropartita non è solo la restituzione del prestito! Il fondo emette prestiti (concessi a tassi fissi o variabili) per assicurare assistenza finanziaria ai paesi in difficoltà e acquista titoli sul mercato primario, ma a condizioni sempre molto severe. Queste condizioni rigorose possono spaziare da un programma di correzioni macroeconomiche al rispetto costante di condizioni di ammissibilità predefinite: potranno essere attuati, inoltre, interventi sanzionatori per gli stati che non dovessero rispettare le scadenze di restituzione i cui proventi andranno ad aggiungersi allo stesso MES.
Quindi se l'Italia attivasse il MES verrebbe di fatto commissariata perchè questo meccanismo imporrebbe all'Italia correzioni sulla politica economica, aumento di tasse, taglio di servizi; se poi il piano di rientro e di correzioni non dovesse essere rispettato allora scatterebbero pure le sanzioni! Quindi il Governo non sarebbe più libero di scegliere la politica economica ma dovrebbe rispettare in modo automatico quello che gli verrebbe ordinato dal MES.
In definitiva il Meccanismo Europeo di Stabilità non funziona in modo diverso dal FMI, considerando che in Europa precedentemente al MES c'era il FESF, ovvero il fondo che aiutò la Grecia, il precedente quindi non è positivo!
Per queste ragioni la Lega si sta battendo con tutte le proprie forze per non attivare il MES, vi sono altre soluzioni per finanziare l'economia in questa fase, come ad esempio spendere tutto il possibile sfondando i parametri imposti dall'Europa.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter