Politica

Ivrea elezioni PD nel caos, appello dei Moderati: "Non finiamo come a Pinerolo"

Portas teme la vittoria dei 5 Stelle.

Ivrea elezioni PD nel caos, appello dei Moderati: "Non finiamo come a Pinerolo"
Politica Ivrea, 29 Marzo 2018 ore 15:28

Ivrea elezioni PD. Il trambusto post-primarie fa tremare anche i Moderati, l'appello di Portas.

Ivrea elezioni PD

Il travagliato periodo del PD sembra proprio non giungere alla fine. Tutto (o quasi) è iniziato con le primarie per la candidatura a sindaco della città, consultazioni vinte da Perinetti, ma soprattutto perse dalla Ballurio. E' proprio di qui che inizia la rottura interna con l'ormai ex presidente del consiglio comunale che riconsegna la tessera del partito e lascia la carica.

A ruota anche altri esponenti, ai vertici del partito, lasciano il PD per "mancanza di risposte  alle richieste  sulla necessità di un “cambiamento” nei metodi e nelle persone al governo della città nei prossimi anni", accuse che Perinetti ha prontamente respinto al mittinte ma questo non è bastato a saldare la frattura ormai evidente.

Incubo Pinerolo

Lunedì scorso il gruppo dei Moderati di Ivrea si era riunito, insieme al Responsabile degli Enti Locali Giovanni Maria Ferraris, per ragionare sulle prossime elezioni Comunali di Ivrea. Quello che era emerso dal'incontro era stata la necessità di chiedere un incontro a Torino per discurtere della questione con i vertici del PD.

L'appello dei Moderati

Insomma la questione si fa sempre più critica e i Moderati cominciano a temere che alle prossime amministrative che dovrebbero tenersi fra circa un paio di mesi, il PD non sia abbastanza forte da reggere il confronto e lasciare campo libero ai 5 Stelle, storia già vista a Pinerolo.

Il fantasma di una nuova "Pinerolo" inquieta dunque i Moderati che con il leader Giacomo Portas lanciano un appello agli alleati storici del PD: “Facciano un passo indietro i due contendenti delle primarie, Ballurio e Perinetti, e troviamo tutti insieme un nome terzo in grado di far vincere la coalizione. Di vivere un’altra Pinerolo per colpa del Pd non ne ho voglia, oltre al fatto che i miei non li tengo più”.