Sponsorizzato

I giochi di carte più amati dagli italiani

I giochi di carte più amati dagli italiani
17 Novembre 2020 ore 07:38

Non è un mistero che il popolo italiano sia uno di quelli più legati a giochi di carte. Fino a pochi decenni fa, rappresentavano uno dei principali passatempi di tantissime persone. Giusto per fare un esempio, anche in famiglia, una partita di carte nel pomeriggio piuttosto che alla sera con i nonni rappresentava una piacevole abitudine.

Ebbene, al giorno d’oggi, con l’avvento della tecnologia, è abbastanza facile notare come tanti giochi di carte si possano trovare direttamente sul proprio smartphone. Non è un caso, quindi, che i giochi online siano stati protagonisti di un successo incredibile grazie al boom di smartphone e tablet, che sono sempre più diffuse nella vita di tutti i giorni.

Poker

Uno dei giochi di carte che sono andati per la maggiore nel corso degli ultimi anni è stato indubbiamente il poker, anche se negli ultimi anni è finito in una fase di “stallo”, soprattutto per l’evoluzione incredibile che hanno avuto anche tanti altri giochi online legati al mondo dell’azzardo.

Sul web, in ogni caso, gli appassionati hanno la possibilità di individuare un elenco siti poker particolarmente approfondito e dettagliato, in cui si possono trovare le migliori piattaforme su cui creare un conto di gioco e cominciare a lanciare il guanto di sfida agli altri utenti. Fondamentale che il portale su cui si comincia a giocare a poker sia dotato di una licenza ADM o AAMS, la vera e propria garanzia che il sito in questione rispecchi tutte le regole previste dalla normativa italiana in tema di gioco d’azzardo online.

Briscola

Ecco un gioco di carte che fa parte tipicamente della tradizione italiana. Si tratta di un vero e proprio classico all’italiana, dal momento che si gioca a Briscola in ogni zona della penisola. Un passatempo che, in alcuni luoghi, viene considerato con un’importanza decisamente maggiore, al punto tale che vengono organizzati spesso numerosi tornei.

Come funzionano i tornei di briscola? Semplicemente i giocatori si affrontano a coppie e, chi vince, ha la possibilità di aggiudicarsi svariati premi, che possono consistere in coppe ricordo, in premi in denaro oppure, molto più di frequente, in vari prodotti culinari.

Scopa

Esattamente come avviene la briscola, anche la scopa rappresenta un gioco di carte particolarmente diffuso sull’intero territorio italiano. Anche in questo caso, c’è la possibilità di sfidarsi a coppie oppure in gruppo. Una delle più famose versioni è sicuramente la scopa “parlata”, in cui i giocatori hanno la possibilità di dialogare.

Altrimenti, le strategie vengono attuate in modo silenzioso. Particolarmente divertenti sono le partite di scopa che vengono disputate tra gli anziani, che sfociano in epiche discussioni. La scopa è uno dei giochi tipici che si possono ritrovare all’interno di bar e circoli ricreativi nel corso della stagione, tipicamente nel corso delle giornate più calde, per combattere la noia delle ore in cui è impossibile fare qualsiasi altra cosa.

Scala 40

Ecco un altro gioco di carte particolarmente conosciuto e diffuso sul territorio italiano. Se nella briscola, ma anche nella scopa, vengono utilizzate sempre le carte da briscola, che possono essere sia trevigiane che napoletana, nel gioco della scala 40 possono essere impiegate solo ed esclusivamente le carte da poker. Stiamo parlando di un gioco tipico da spiaggia, oppure di un passatempo utile per divertirsi in tante serate tra amici e parenti.

Sette e mezzo

Ecco un altro gioco di carte particolarmente diffuso in tutta la penisola italiana. In questo caso, si va a sfidare direttamente il banco, mentre non ci sono contatti o sfide con gli altri giocatori che sono seduti al medesimo tavolo. L’obiettivo di questo gioco è realizzare il punteggio che riesca ad avvicinarsi maggiormente a sette e mezzo. La mano si vince quando il punteggio realizzato è superiore a quello del banco, a patto di non aver sballato.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità