MATHI

Mathi: 52 gli iscritti alla Materna «Varetto» per il prossimo anno scolastico

Per l'acquisto del plesso scolastico di via Borla non sarà acceso un mutuo ma i 200.000 euro saranno prelevati dall'avanzo di amministrazione

Mathi: 52 gli iscritti alla Materna «Varetto» per il prossimo anno scolastico
Ciriè, 11 Agosto 2020 ore 16:57

Mathi: 52 gli iscritti alla Materna «Varetto» per il prossimo anno scolastico

Mathi: 52 gli iscritti alla Materna «Varetto»
per il prossimo anno scolastico

L’Amministrazione comunale ha cambiato idea. Per acquistare l’asilo Varetto non accenderà un mutuo di 200.000 euro ma preleverà la somma direttamente dall’avanzo di amministrazione. A comunicare questa decisione è stato l’assessore al Bilancio Mauro Pellizzari nel corso del Consiglio comunale andato in scena la scorsa settimana. E prontamente è arrivata la domanda del consigliere di opposizione Giuseppe Frand Genisot. «Fino allo scorso maggio avete sempre detto che avreste acceso un mutuo per finanziare l’acquisizione della scuola di via Borla – ha sottolineato il consigliere – Avevo espresso le mie perplessità dal momento che l’avanzo di amministrazione è di 800.000 euro. Oggi comunicate che non utilizzerete più il mutuo ma l’avanzo. Cosa è cambiato da maggio ad oggi? Ribadisco quello che dissi già mesi fa, ovvero che è più sensato utilizzare i soldi dell’avanzo di amministrazione piuttosto che accendere un mutuo. Questo vostro cambio di direzione, però, è una ulteriore testimonianza dell’insicurezza di questa Amministrazione».

Il sindaco Fariello si è confrontato con la dirigente scolastica

Alle osservazioni di Frand Genisot, il sindaco Maurizio Fariello ha risposto con dei dati decisamente positivi e, forse, insperati all’inizio dell’avventura con la statalizzazione della Materna Varetto. «Ho incontrato la dirigente scolastica per parlare dei nostri plessi e di cosa occorre fare per renderli pronti ad accogliere i nostri alunni a settembre – ha spiegato Fariello – Ad oggi ci sono 52 iscritti alla nostra scuola dell’Infanzia, con una lista d’attesa di 10 bimbi. Questa è la migliore risposta alle perplessità che nelle passate settimane hanno portato a discutere molto sul futuro del nostro asilo. Non si può aprire una terza sezione ma trovare un sistema per cercare di accogliere anche i bimbi in lista d’attesa». «Non sarebbe una sezione in più – ha precisato il vice sindaco ed assessore all’Istruzione Monica Putzulu – Prima occorre riuscire ad ottenere un incremento del personale, poi si potrebbe provvedere ad una suddivisione dei bambini in modo da poterli ospitare tutti».

Le aule sono idonee e pronte ad accogliere gli alunni a settembre

Per quanto concerne gli interventi nelle scuole Primaria e Secondaria nel rispetto delle normative Covid? «Non sono stati effettuati lavori a livello strutturale perchè non ce n’è bisogno – ha proseguito la Putzulu – Si è provveduto a suddividere un paio di classi ed è stato richiesto un incremento di personale docente e Ata per sanificare gli spazi. Cè stato qualche spostamento di classi tra i due piani della nostra scuola. Abbiamo già tutte le richieste da parte dell’Istituto Comprensivo e ad agosto metteremo tutta la segnaletica e le distanze presso le aule. Sono state anche collocate delle lavagne Lim in più nelle classi. Ci sono due piccole aule che avanzano e che potrebbero essere utilizzare per il pre e dopo scuola. Che si era pensato inizialmente di svolgere presso la palestra, ma alla fine, proprio grazie a queste due piccole aule, non ce n’è stato bisogno».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità