Sport
Un piccolo ritorno alla normalità

La Coppa Primavera riporta i tornei di calcetto alla ribalta

La competizione eporediese, giunta alla 12esima edizione, è andata alla Casa del Kebap.

La Coppa Primavera riporta i tornei di calcetto alla ribalta
Sport Ivrea, 06 Giugno 2021 ore 12:13

Si è svolta di recente a Burolo. La Coppa Primavera riporta i tornei di calcetto alla ribalta.

La Coppa Primavera riporta i tornei di calcetto alla ribalta

Una lunghissima «pausa forzata», causata da quel Covid che ha impedito a molte storiche (e non) manifestazioni calcistiche di andare in scena negli ultimi 15 mesi. Alla fine, però, la voglia (naturalmente nel pieno rispetto di regolamenti e sicurezza...) di tornare in campo è stata più forte e nelle ultime settimane finalmente anche i tornei, in questo caso di calcetto, sono ripartiti.

Edizione numero 12 al El Gioviale di Burolo

A «rompere il ghiaccio» la 12esima edizione della «Coppa Primavera», la quale si è svolta nel nuovo impianto del Centro Sportivo El Gioviale di Burolo (l’ex Hotel La Fontana per intenderci). Ad allestire la kermesse, che ha visto al via 10 compagini, è stato Bruno Cossano con la collaborazione di Mirko Garau e Luigi Trompetto.

Casa del Kebap campione 2021

A salire sul gradino alto del podio è stata la formazione della Casa del Kebap, che con pieno merito si è aggiudicata la prima posizione, chiudendo la fase finale della kermesse eporediese davanti a I Gladiatori (secondi), Chiaverano (terza classificata) e Aromatik Cafè («medaglia di legno»). Si è invece interrotta nei quarti la corsa di USD Bellavista, Paris San Grato, Pizzeria Jolly ed Atletico Bar Malù, mentre i team targati Crai Pont Boys e Fritto Misto sono usciti nei play off.

Assegnati anche i premi individuali

Non sono naturalmente mancati i premi speciali, assegnati a livello individuale ai giocatori che si sono messi maggiormente in luce. Quello di miglior atleta del torneo è andato a Costantin Ionesi della Casa del Kebap, portiere più bravo è risultato Stefano Marin de I Gladiatori, mentre l’attaccante ed il difensore capaci di mettersi in luce sono stati Marco Sabolo (Aromatik) ed Andrea Lanza (Chiaverano).