Sport

Sa Castellamonte e Cucciatti: matrimonio calcistico confermato

Il direttore sportivo gialloverde si occuperà dei grandi e dei più piccoli

Sa Castellamonte e Cucciatti: matrimonio calcistico confermato
Sport Rivarolo, 22 Aprile 2019 ore 10:27

Sa Castellamonte e Cucciatti: matrimonio calcistico confermato.

Sa Castellamonte e Cucciatti: matrimonio calcistico confermato

Per Alberto Cucciatti, nel giorni scorsi, è arrivata la conferma della propria collaborazione con l’SA Castellamonte. Anzi, si può tranquillamente dire che quella firmata nella sede dello storico club canavesano è stata ufficialmente una «promozione sul campo», a ribadire l’ottimo lavoro svolto nella stagione passata. Nella prossima annata agonistica, quella 2019-2020, Cucciatti oltre a ricoprire il ruolo di direttore sportivo del settore giovanile gialloverde si occuperà anche della prima squadra, che attualmente milita in Terza Categoria.

"Contento della fiducia che mi è stata concessa"

«Sono davvero contento della fiducia che mi è stata concessa, figlia di quanto siamo riusciti a fare nei mesi scorsi. Un lavoro che oggi ci permette di guardare avanti con la voglia di allargare i nostri orizzonti». A livello di «linea verde», l’SA Castellamonte e Cucciatti hanno le idee chiare: «Punteremo all’allestimento di almeno tre nuove categorie giovanili. Proseguiremo, poi, con il discorso femminile, visto quanto fatto dall’Under 12. L’obiettivo, in questo caso, è quello di cercare di mettere in piedi finalmente una prima squadra in pianta stabile, che possa essere iscritta al campionato Figc».

Si occuperà di giovanili e di prima squadra

Alberto, che negli anni ha saputo meritarsi la stima di colleghi ed avversari con il suo modo di fare, sarà concentrato anche sul gruppo di Terza: «Quest’anno il campionato ci ha offerto degli alti e bassi, finendo per piazzarsi in una posizione di centro classifica. L’anno prossimo ci piacerebbe lottare per la promozione, o comunque tornare a giocarci un posto tra le migliori, riportando la compagine maggiore in un trofeo che faccia pure da traino al vivaio».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter