Menu
Cerca
iniziativa solidale

“Caro Babbo Natale vorrei…” Elia, 9 anni: “Per me non chiedo niente, vorrei solo che tu portassi gioia e serenità a chi ne ha bisogno”

Da oggi in edicola le vostre letterine che stanno aiutando il Banco Alimentare.

“Caro Babbo Natale vorrei…” Elia, 9 anni: “Per me non chiedo niente, vorrei solo che tu portassi gioia e serenità a chi ne ha bisogno”
02 Dicembre 2020 ore 12:29

“Caro Babbo Natale vorrei”…ecco alcune delle letterine inviate da nostri lettori. In molti avete già aderito all’iniziativa del nostro gruppo editoriale inviandoci splendidi pensieri ricchi di amore e pensieri felici e di speranza, continuate a farlo, aiuterete il Banco Alimentare ad offrire un pasto a chi ne ha bisogno

“Caro Babbo Natale vorrei”

Aumentano le adesioni all’iniziativa “Caro Babbo Natale Vorrei”… lanciata da Il Canavese e Il Giornale di Ivrea e dell’Eporediese, per aiutare il Banco Alimentare. Tutti potranno scrivere una letterina a Babbo Natale per raccontare un sogno, un pensiero, un desiderio che portano nel cuore.

Aiutateci ad aiutare le persone in difficoltà. Ogni letterina ricevuta attraverso il sito internet carobabbonatalevorrei.it permetterà di contribuire, concretamente, alle necessità di chi vive in condizioni di indigenza.

LEGGI ANCHE: L’attrice canavesana Marilina Succo: “Scrivi una letterina a Babbo Natale, aiuterai il Banco Alimentare

Le vostre letterine

Caro Babbo Natale, quest’anno per me è stato ricco di emozioni positive e negative. Ho toccato i punti più bassi ma anche quelli più alti della mia vita. Ho riscoperto la vera ME e sono letteralmente rinata. Ho raggiunto la mia serenità e pace interiore quindi, per questo Natale, ti chiedo di aiutare le persone a me care. Accompagnarle e dar loro la forza per iniziare questo percorso di “liberazione ” Affinché anche loro possano ritrovare il sorriso nell’animo. Grazie
Chiara R. da Cuorgnè 

Caro Babbo Natale, scrivo questa lettera non per chiederti dei regali per me, sono troppo cresciuto ormai, ma di portare in dono ai bambini e a tutte le famiglie del mondo la speranza e la serenità sperando che nel 2021 questa pandemia si risolva con un vaccino donato gratuitamente a tutti gli abitanti della nostra comune casa chiamato terra. Da parte mia non ho niente da darti se non un sorriso da estendere a tutti, il sorriso ed il buon umore sono contagiosi e valgono più di un vaccino!
 Giorgio Cortese da Favria 

Caro Babbo Natale, sono Elia e ho 9 anni. Per me non chiedo niente, vorrei solo che tu portassi gioia e serenità a chi ne ha bisogno. Abbracciali da parte mia, tu che puoi.
Elia da Ozegna

Caro Babbo Natale, so che sei nei desideri e nei pensieri di ogni persona, so che ora è tutto chiuso dato questo triste periodo, ma spero che tu troverai il modo di correre su ogni tetto di ogni casa, scendere dai camini e portare la felicità per questo Natale! Vorrei chiederti se riuscissi a fare anche una piccola magia e fare finire questo brutto periodo in modo che si possa riabbracciare tutti i propri amici, che si possa ricondividere con i compagni di palestra tutte quelle fatiche e le gioie.
Gli atleti della Rem Bu Kan Karate di Rivarolo

Per il Banco Alimentare

Fino al 19 dicembre potrete scrivere una letterina a Babbo Natale per raccontare un sogno, un pensiero, un desiderio che portate nel cuore. Ogni letterina inviata equivale a un pasto. Infatti per ogni lettera che invierete a Il Canavese donerà a «Banco Alimentare» un contributo per distribuire 500 grammi di alimenti (pari a un pasto – stima adottata dalla European Food Banks Federation) a chi è in difficoltà. In Italia ogni anno il 15% della produzione alimentare viene sprecata. La fondazione Banco Alimentare combatte ogni giorno lo spreco recuperando le eccedenze da molteplici donatori della filiera agroalimentare, favorendo il risparmio e dando agli alimenti ancora buoni nuova vita.