Attualità
groscavallo

Un bosco dedicato a Mahsa Amini, la proposta della minoranza a Grascavallo

La risposta del sindaco: «Di per sé si tratta di una è un’iniziativa puramente simbolica ma la ritengo riduttiva e, tanto più un bosco...»

Un bosco dedicato a Mahsa Amini, la proposta della minoranza a Grascavallo
Attualità Lanzo e valli, 20 Gennaio 2023 ore 16:06

Un bosco dedicato a Mahsa Amini, la ragazzo simbolo della repressione in Iran la proposta della minoranza a Grascavallo.

Un bosco dedicato a Mahsa Amini

Il gruppo consiliare Groscavallo Domani ha lanciato attraverso i social una proposta all'intero Consiglio: intitolare un bosco di proprietà comunale alla memoria della ventiduenne Mahsa Amini, simbolo della repressione in Iran. Spiegano i consiglieri Fabio Santo, Lorenzo Albry e Andrea Parodi sabato 14 dicembre: «Questa sera abbiamo inoltrato al sindaco Giuseppe Giacomelli, via PEC, una Mozione ai sensi dell'articolo 30 del Regolamento di Consiglio Comunale, chiedendo al consiglio stesso di deliberare qualcosa che nessuno, in Italia, ha ancora fatto: ricordare Mahsa Amini e le violente repressioni in Iran. Come? Con un bosco. Intitolando così simbolicamente un tesoro naturale del nostro territorio. Perchè il bosco è vita, è speranza, è rinascita. Suggeriamo, come titolo dell'intera iniziativa: “Un posto al sole per Mahsa”. Con l'occasione facciamo nostre le parole del presidente Sergio Mattarella al Quirinale dell'11 gennaio scorso e ci uniamo all'appello per salvare Fahimeh Karimi».

La mozione

Nel testo della mozione propositiva al Consiglio Comunale di Groscavallo: «I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo consiliare “Groscavallo Domani” sottoscrivono il seguente documento ed intendono presentare all’attenzione del Consiglio Comunale la presente Mozione, ai sensi dell’Articolo. 30 del Regolamento del Consiglio Comunale premesso che l’uccisione di Mahsa Amini ha portato a un’insieme di proteste, iniziate in Iran e diffusesi in tutto il mondo, con la conseguenza di repressioni da parte del governo iraniano, che hanno portato lo scorso 11 gennaio 2023 alla presa di posizione ufficiale della presidenza della Repubblica Italiana, con il presidente Sergio Mattarella che ha parlato, in presenza dell’ambasciatore iraniano, di “ferma condanna della Repubblica Italiana e la sua personale indignazione per la brutale repressione delle manifestazioni e per le condanne a morte e l’esecuzione di molti dimostranti”».

Salvare Fahimeh Karimi

«Lo scrivente gruppo consiliare raccoglie e condivide la petizione promossa a livello internazionale nelle ultime settimane per salvare Fahimeh Karimi, attualmente detenuta in Iran con una condanna a morte, arrestata durante una protesta contro l’uccisione di Mahsa Amini. Considerato che si vuole, con la presente richiesta al Consiglio Comunale, ricordare, simbolicamente, la memoria di Mahsa Amini nel territorio di Groscavallo, come simbolo della situazione in atto, in nome dei principi sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e violati dall'Iran, si richiede al Consiglio Comunale di dare mandato alla Giunta affinché si individui un bosco (o una porzione di bosco da individuare su mappale catastale) di proprietà comunale, da intitolare simbolicamente alla memoria di Mahsa Amini, suggerendo come nome all’iniziativa il titolo: “Un posto al sole per Mahsa”».

La risposta del sindaco

Abbiamo sentito in proposito il sindaco Giuseppe Giacomelli che spiega: «E’ pervenuta nella mattina di lunedì 16 gennaio la richiesta al Comune. Poi vedremo come rispondere e cosa fare... Di per sé è un’iniziativa solo puramente simbolica ma la ritengo riduttiva e tanto più un bosco... Voglio sentire il pensiero dei consiglieri di maggioranza».

Seguici sui nostri canali