Cronaca
Lanzo Torinese

Con la Pro Loco città in fiore ma... I residenti non hanno aderito

C'è ancora tempo sino al 24 luglio per unirsi all'iniziativa.

Con la Pro Loco città in fiore ma... I residenti non hanno aderito
Cronaca Lanzo e valli, 17 Luglio 2020 ore 12:19

Con la Pro Loco città in fiore ma... I residenti  di Lanzo Torinese non hanno aderito.

Città in fiore

Gli eventi ormai caratteristici delle ultime estate lanzesi, da Lanzo in Fiore, all’Elf Fest, dalla Patronale alla sagra del Torcetto, senza dimenticare i festival di strada e gli appuntamenti musicali, per questo 2020 sono stati annullati causa restrizioni dettate dall’emergenza Covid. Eventi a marchio “Pro Loco” che portavano in città migliaia di presenze. Quest’estate non ci saranno, perchè: "Per organizzare una festa dove lo scopo non sia il divertimento e basta, ma che comporti tutta una serie di restrizioni, dalla mascherina alle distanze, con conseguente obbligo, per chi organizza, di fare da controllore, meglio non fare niente", ha commentato il presidente della Pro Loco, Danilo Massa Bova.

Vie lanzesi  colorate

Nessuna manifestazione, dunque, ma agli addobbi per Lanzo, la Pro loco non ha rinunciato. Da settimane, ormai, i volontari della Pro Loco sono all’opera per rendere le vie del centro storico più colorate, più belle. Hanno sistemato nelle fioriere sui ponti e in giro per la città i fiori acquistati dall’Amministrazione comunale. Hanno ripulito e sistemato le aiuole e i giardinetti nei pressi della Stazione.

Artiste volontarie

Grazie ad alcune artiste volontarie, prima fra tutte Chiara Ogliani (nella foto) , che hanno passato le notti a colorare fiori per le vie, la Pro Loco ha voluto dare “un buon giorno con colore” ai suoi compaesani. Compaesani che erano stati chiamati in causa dal sodalizio guidato da Massa Bova per abbellire a tema, con materiale di recupero che tutti possono reperire facilmente in casa, le vie, i balconi, le vetrine, le abitazioni.

Delusione per mancata adesione

A questo scopo aveva proposto una “sfida”, un concorso valido dal 24 giugno al 24 luglio, affinchè tutti potessero mettere in moto la loro creatività: un premio per l’allestimento più originale. A due settimane dall’invito lanciato sulle pagine di facebook della Pro Loco e attraverso i giornali, però, Danilo Massa Bova si ritrova a commentare con delusione la scarsa adesione della cittadinanza e dei commercianti all’iniziativa: "Mi dispiace davvero molto perchè noi abbiamo creduto in questo progetto e, come sempre, non ci siamo risparmiati. L’idea di abbellire la città è un qualche cosa che tutti i lanzesi dovrebbero sentire nel cuore e non qualcosa di imposto da terzi, qualcosa da fare per forza. Abbiamo passato ore e ore, dopo il lavoro, nella pausa pranzo a piantumare, colorare, addobbare".

Chi volesse ancora aderire...

"Non lo abbiamo fatto mica per un nostro tornaconto personale. Eppure mi spiace constatare che di vetrine a tema, per Lanzo, ne ho viste davvero poche – ribadisce con desolazione – Che posso dire: mi dispiace. Mi dispiace che i lanzesi non si rendano conto del grosso potenziale turistico che ha la loro cittadina. Ci sono elementi di attrazione molto più validi di altri rinomati centri storici piemontesi e non solo. Ma vanno valorizzati – conclude il presidente della Pro Loco - Bisogna lavorare tutti insieme, con un unico obiettivo: quello di portare gente. E si può fare anche senza le manifestazioni. Insieme si può". A chi, leggendo queste righe, fosse venuta voglia di prendere parte al concorso lanciato dalla Pro Loco, può ancora aderire, o richiedere maggiori informazioni, telefonando al 3914785300.