Cronaca
buone notizie

Indentificato il «vampiro» di carburante del Basso Canavese

Si tratterebbe di un cinquantenne di Brandizzo, molto conosciuto in paese, incastrato dalle telecamere di sorveglianza

Indentificato il «vampiro» di carburante del Basso Canavese
Cronaca Volpiano, 10 Febbraio 2023 ore 06:56

Indentificato il «vampiro» di carburante del Basso Canavese, si tratta di un 50enne brandizzese.

Indentificato il «vampiro» di carburante del Basso Canavese

Preso. E’ finalmente arrivata la notizia più attesa dagli automobilisti residenti a Volpiano, Brandizzo e nei comuni limitrofi, Leini compreso. I Carabinieri della Stazione di Volpiano, coordinati dal Capitano Urbano Marrese e dal Luogotenente Marco Scacco, hanno identificato e denunciato il presunto «vampiro» di carburante che da mesi toglieva il sonno a cittadini e forze dell’ordine.

Incastrato dalle telecamere

Stando alle prime indiscrezioni si tratterebbe di un cinquantenne di Brandizzo, molto conosciuto in paese, incastrato dalle telecamere di sorveglianza. Tutto è iniziato con la denuncia di un automobilista (a cui avevano bucato il serbatoio e rubato carburante) presentata ai carabinieri di Volpiano. I militari hanno quindi analizzato le telecamere di sorveglianza della zona in cui era parcheggiata la vettura, identificando il brandizzese. Successivamente, i Carabinieri di Volpiano hanno effettuato una perquisizione nella sua abitazione ritrovando tutta l’attrezzatura necessaria sia per forare i serbatoi (con un danno di parecchie centinaia di euro) che per stoccare il carburante.

Indagini in corso

A questo punto le indagini proseguono, finalizzate a capire se il brandizzese possa essere ritenuto responsabile anche degli altri furti avvenuti con la stessa modalità. I primi episodi segnalati risalgono a circa un anno fa, nel corso dei mesi gli episodi si sono moltiplicati: dalla periferia al centro del paese le segnalazioni sono diventate numerose, estendendosi poi a San Mauro e nel Vercellese. Emulazione o «stessa mano»? Sarà la magistratura eporediese a chiarirlo.

Seguici sui nostri canali