Cronaca

Maltempo danni in tutto il Canavese, continua l'allerta meteo

Nelle prossime ore sono attese ancora piogge intense e diffuse su tutta la regione

Maltempo danni in tutto il Canavese, continua l'allerta meteo
Cronaca Rivarolo, 23 Novembre 2019 ore 11:05

Maltempo danni in tutto il Canavese, continua l'allerta meteo.

Maltempo danni

Maltempo danni in tutto il Canavese, continua l'allerta meteo. A  Cuorgnè  questa notte verso le ore 3,30 circa è caduto un grosso pino nei pressi della rotonda allo svincolo di Via Brigate Partigiane con Via Braggio. Fortunatamene la caduta non ha procurato danni a cose o persone. Il tempestivo intervento dei volontari della Protezione Civile di Cuorgné e del distaccamento cittadino dei Vigili del Fuoco ha evitato disagi al traffico.  Grazie al loro tempestivo lavoro in brevissimo tempo è stata messa in sicurezza  l’area interessata dalla caduta dell'alero.

6 foto Sfoglia la gallery

Il commento

Sulla vicenda è intervenuto anche l'assessore Davide Pieruccini: "Sono 8 anni che si parla di togliere queste piante, che sono potenzialmente pericolose.Bisogna intervenire subito in modo deciso e risolutivo per evitare il peggio. L’assessore Silvia Leto ha predisposto in queste settimane una importante cifra economica da destinare al taglio di questi “pini marittimi”....che ovviamente non possono mancare in nelle strade del Piemonte".

L'allerta Arpa

Secondo i dati Arpa, nelle ultime ore si sono registrate intense precipitazioni sulla fascia pedemontana e sul settore appenninico con valori molto forti sull’Alessandrino al confine con la Liguria. Nevicate intorno intorno ai 20-30 cm sull’arco alpino dal Cuneese al Verbano sopra i 1.200 m. Le precipitazioni delle ultime ore hanno determinato un incremento dei livelli idrometrici di tutti i corsi d’acqua del reticolo secondario, con interessamento del principale, con raggiungimento della soglia di guardia per i torrenti Erro e Orba, che è esondato a Predosa.

Le prossime ore

Nelle prossime ore sono attese ancora piogge intense e diffuse su tutta la regione, in particolare sull’Astigiano, sull’Alessandrino e Cuneese orientale. Previsti inoltre un incremento delle precipitazioni anche nel Verbano, nell’alto Novarese, Vercellese e Torinese. Si attendono aumenti repentini significati dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua del settore sud-occidentale, anche con superamenti delle soglie di pericolo. Dal pomeriggio, la persistenza delle piogge determinerà incrementi dei corsi d’acqua anche sul reticolo idrografico del settore nord-occidentale.

La sala operativa

Per monitorare i fenomeni e gestire le eventuali criticità, la Sala operativa regionale di corso Marche 79 a Torino è aperta dalle 00.00 del 23 novembre. Sono state aperte le Sale operative provinciali della Città metropolitana di Torino, di Cuneo, Alessandria, Biella, Asti. Nell’Alessandrino 18 Comuni hanno attivato il Centro operativo misto (COM): Alessandria, Cerrina, Novi Ligure, Bosio, Acqui Terme, Cassine, Arquata Scrivia, Ovada, Castellazzo Bormida, Casale M.to, Frassinetto Po, Ozzano M.to, Castelnuovo Scrivia, Balzola, Valenza, Felizzano, Piovera, Tortona.

In Canavese

Hanno aperto i Centri operativi comunali di Benevello, Bossolasco, Santo Stefano Belbo, Cissone, Prunetto, Priola, Montaldo Mondovì, Camerana in provincia di Cuneo; Ovada e Serravalle Scrivia nell’Alessandrino; Volvera e Lanzo T.se in provincia di Torino, Omegna nel Vco, Castelletto Cervo nel Biellese e Bianzè nel Vercellese. Sul territorio sono attivi i volontari dei gruppi comunali di protezione civile, oltre ai 125 del Coordinamento regionale e ai 9 dell’Associazione nazionale alpini. I presidi regionali hanno distribuito quasi 6000 sacchetti di sabbia per la protezione passiva di fiumi e torrenti.