Cronaca
emergenza covid-19

Piemonte in zona arancione rinforzata, questa l'ipotesi più probabile

Le anticipazioni date dalla Provincia di Novara dovrebbero a breve trovare conferma nell'ordinanza ufficiale del Governatore Cirio.

Piemonte in zona arancione rinforzata, questa l'ipotesi più probabile
Cronaca Torino, 05 Marzo 2021 ore 17:58

Piemonte in zona arancione rinforzata, questa l'ipotesi più probabile, almeno per la prossima settimana, e con alcune zone rosse.

Piemonte in zona arancione rinforzata

Quello che preoccupa maggiormente è l’aumento dei dati relativi ai contagi. Se verrà confermata la zona arancione “rinforzata”, rimarranno in vigore tutte le regole della zona arancione ma con provvedimenti ancora più restrittivi per i territori che presentano i valori relativi all’incidenza dei contagi, più problematici.

Stando a quanto emerge, dunque, il Piemonte non avrebbe ancora numeri da “zona rossa” (per un soffio), ma in questo momento particolare, soprattutto per il rischio rappresentato dalle varianti,  maggiori restrizioni, laddove necessario, sono certamente importanti per prevenire ulteriori problematiche.

Le “sfumature” sono un’invenzione delle Regioni: sono i governatori a stabilire gli ibridi istituzionali (che in pratica non sono altro che zone rosse in cui i negozi restano aperti e in cui si limitano in vario modo scuole e spostamenti):

  • L’arancione scuro l’ha inventato l’Emilia Romagna introducendo spostamenti da zona rossa e chiudendo le scuole, tranne nidi e materne.
  • L’arancione rinforzato o rafforzato l’ha introdotto la Lombardia, che chiude anche le materne e lascia aperti solo i nidi, ma dà più margini per gli spostamenti, pur vietando le visite a parenti e amici.

La variante inglese

Lo stesso Governatore piemontese Alberto Cirio, nella serata di mercoledì 3 marzo, annunciando la Didattica a distanza, da lunedì 8 marzo, per gli studenti della seconda e terza media e delle superiori, si è soffermato in maniera particolare sulla pericolosità della variante inglese:

“Il tema della variante inglese, presente in modo diffuso in tutto il Piemonte nella metà dei casi e che ha una elevatissima velocità di diffusione e colpisce di più anche le fasce giovani della popolazione. Per questa ragione è necessario intervenire in modo rapido. Pur nella necessità di tutelare la salute, cercheremo di salvaguardare il più possibile la didattica in presenza nella fascia dagli 0 ai 6 anni, per gli studenti disabili e i laboratori. Sappiamo quanto sia difficile per le famiglie e lo sforzo che devono affrontare tutti i genitori. Abbiamo ricevuto garanzie dal Governo sull’attivazione immediata dei congedi parentali e dei bonus baby sitter”.

La situazione in Piemonte

Per il momento in Piemonte colorato di arancione conta comunque 23 zona rosse. Oggi si è aggiunto Crescentino ai già noti 22: 3 comuni in provincia di Torino (Cavour, Bricherasio e Scalenghe); 12 comuni della Valle Po in provincia di Cuneo (Barge, Bagnolo Piemonte, Crissolo, Envie, Paesana, Gambasca, Revello, Martiniana Po, Oncino, Ostana, Rifreddo, Sanfront); comuni della Val Vigezzo, nel Vco (Re, Craveggia, Villette, Toceno, Malesco, Santa Maria Maggiore e Druogno).

In questi Comuni è sospesa l’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado ed è disposta la dad per gli studenti che vivono nell’area, ma frequentano le lezioni in altri Comuni non inseriti in zona rossa.

Con un post su Facebook la Provincia di Novara ha anticipato quella che dovrebbe essere l'ordinanza del Governatore Cirio:

Dall’8 al 20 marzo sono state aggiunte alcune misure più stringenti: prevista la chiusura delle strutture sportive comunali all’apertodivieto di uso dei giochi nelle aree verdiautorizzazione ad accedere agli esercizi commerciali per un solo componente di ogni nucleo familiare.

Insomma, un mix normativo inedito a zone, che non è più solo arancione e non è completamente rosso. Un “arancione rinforzato con macchie rosse”, insomma la sostanza di fatto per il Piemonte resta questa:

zona arancione rinforzata o rafforzata – seppur nella media più blanda rispetto alla Lombardia – con macchie rosse qua e là più restrittive , che però potrebbero anche aumentare.