Borgaro Torinese

Piscina chiusa a tempo indeterminato, il sindaco Gambino: “Comportamento scorretto”

L'annuncio del River Borgaro via social ha mandato su tutte le furie il Primo cittadino.

Piscina chiusa a tempo indeterminato, il sindaco Gambino: “Comportamento scorretto”
Torino, 14 Settembre 2020 ore 17:37

Piscina chiusa a tempo indeterminato: a Borgaro c’è amarezza per la sospensione delle attività da parte della Uisp River Borgaro.

Piscina chiusa a tempo indeterminato

La struttura di via XX Settembre resterà chiusa a tempo indeterminato. La decisione è stata presa dalla società nel consiglio d’amministrazione di giovedì 10 settembre. Ma l’esito della riunione è stato comunicato solo nella tarda serata di domenica 13 settembre tramite social network. La River ha provato a chiedere dei finanziamenti I pochi ottenuti non riescono a far fronte a tutte le spese. Quindi si è deciso di tenere chiusi gli impianti a tempo indeterminato. Inoltre ci si è dati tempo fino al 5 ottobre per trovare una soluzione alla difficile situazione finanziaria.

“Un comportamento scorretto”

La diffusione delle dichiarazioni via internet ha irritato il sindaco Claudio Gambino che dichiara: “Prendiamo atto della scorrettezza, dell’incapacità e della superficialità del direttivo della River e della Presidente, che ha reso nota la situazione economica e la chiusura della piscina e del palazzetto, due strutture sportive cruciali per la pratica dello sport nella nostra Città, attraverso uno scarno comunicato su Facebook nella serata di domenica. Una situazione così complessa avrebbe richiesto un atteggiamento differente da delle persone che negli ultimi 10 anni avevano ricevuto la fiducia da parte dei Comuni interessati e di centinaia di famiglie e atleti”

“Ci rivolgeremo alle sedi giudiziarie opportune”

Naturalmente l’Amministrazione intende riprendere le attività al più presto. Conclude Gambino: “Il nostro obiettivo è riaprire le strutture prima possibile. Saranno necessari i tempi tecnici per la rescissione dei contratti e soprattutto per attivare le procedure legali necessarie a tutelare gli interessi del Comune, richiamando la River e il suo direttivo alle proprie responsabilità nelle sedi giudiziarie opportune”.

LEGGI ANCHE: River: “rosso” con il Comune da 100 mila euro

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità