Cultura
Valle Sacra

Cintano: I gradini del Municipio trasformati in una scalinata dei libri

Contini: "Vuol dire che i cintanesi considerano il Comune come la loro casa. Questo è molto bello e mi rende ancora più orgogliosa di essere sindaco di questo paese".

Cintano: I gradini del Municipio trasformati in una scalinata dei libri
Cultura Alto Canavese, 26 Maggio 2021 ore 16:10

I gradini del Comune di Cintano trasformati in una meravigliosa "scalinata dei libri". Merito di un’idea nata da un privato cittadino e tramutata in realtà, su input della sindaca, Daniela Contini, dalla talentuosa Yessica Alessandro.

Scalinata dei libri

Non c’è niente di più bello che avere ciò che si ama sempre sotto i propri occhi. Lo sanno bene nel piccolo ma vivace comune di Cintano, dove l’entrata del Municipio si è abbellita grazie ad una «scalinata dei libri». Merito di un’idea nata da un privato cittadino e tramutata in realtà, su input della sindaca, Daniela Contini, dalla talentuosa Yessica Alessandro. La giovane artista canavesana ha riprodotto sui gradoni che portano all’ingresso del Comune le costine di tanti meravigliosi libri: da «Harry Potter e la pietra filosofale» al «Ritratto di Dorian Gray», passando per «Il Cacciatore di aquiloni», «La Divina Commedia», «Bianca non era a Shatila» di Maria Grazia Nemour, «Qualcosa Accadrà» di Debora Bocchiardo e il «Nome della Rosa». Senza dimenticare i testi di Primo Levi, Sami Modiano, Liliana Segre e Enrico Mentana. In poco tempo la scala è diventata come per incanto una lunga, gigante biblioteca sui generis.

Progetto per la comunità

“E’ nato tutto da una proposta di un privato cittadino, che ha anche finanziato l’opera realizzata splendidamente da Yessica Alessandro – spiega Daniela Contini – I libri sono quelli preferiti dai cintanesi. Ci sono gli autori canavesani e testi importanti sulla Shoah, oltre a romanzi e ai volumi scritti dai nostri cittadini onorari Liliana Segre e Sami Modiano. E’ un’iniziativa importante e mi riempie di gioia vedere dei privati che portano avanti dei progetti per la comunità. Sfata il luogo comune dei valligiani chiusi e un po’ schivi. Non è neanche la prima volta che accade: di recente due giovani ragazze residenti in paese avevano disegnato in un’area vicino al campo sportivo il “gioco della campana”. Vuol dire che i cintanesi considerano il Comune come la loro casa. Questo è molto bello e mi rende ancora più orgogliosa di essere sindaco di questo paese".

2 foto Sfoglia la gallery