Politica

Ivrea PD sempre più spaccato: ecco perchè le dimissioni di massa

I retroscena della lotta intestina.

Ivrea PD sempre più spaccato: ecco perchè le dimissioni di massa
Politica Ivrea, 30 Marzo 2018 ore 08:19

Ivrea PD in un vortice molto pericoloso.

Ivrea PD spaccato

Non si placa la bufera interna al PD che rischia seriamente di far perdere al partito una delle roccaforti rosse come Ivrea. Indiscezioni interne (neanche poi troppo indiscrete) svelano i veri motivi delle dimissioni di massa dei vertici della segreteria locale del partito.

La nuova giunta

Sembrerebbe infatti che Maurizio Perinetti abbia messo il carro davanti ai buoi decidendo l'eventuale prossima giunta e facendo infuriare quindi chi è rimasto tagliato fuori (sia dalla lista che, ovviamente, dalle decisioni), lista che sarebbe così composta:

  • Andrea Benedino, classe 1974, attuale assessore alla cultura (subentrato alla dimissionaria Laura Salvetti nel gennaio 2017), e con un lungo curriculum politico che inizia nel 1998 con la prima elezione in consglio comunale del quale diventa poi presidente dal 2000 al 2003. Nella legislazione successiva ricopre l'incarico di assessore ai sistemi educativi e al diritto allo studio. Negli anni ha inoltre ricoperto incarichi politici a livello provinciale, regionale e nazionale.
  • Rodolfo Buat, uomo vicino al candidato sindaco Perinetti.
  • Un nome sarebbe invece fatto dal sindaco uscente Carlo Della Pepa.
  • Altro nome sarebbe poi indicato dal vicesindaco Enrico Capirone.
  • Un quinto nome sarebbe invece destinato ai partiti di alleanza.

Questi sarebbero i veri motivi che hanno fatto infuriare i dimissionari, oltre alle voci di corridoio che parlano di riunioni più strette e riservate organizzate da Perinetti a casa Pasquero, solo appunto, per pochi intimi.

Una situazione che non lascia intravedere buoni auspici

Insomma, i retroscena della guerra intestina al PD assumono toni sempre più aspri e rischiano seriamente di influenzare il voto delle prossime aministrative, con i Moderati che prevedono scenari apocalittici se non ci sarà un'inversione di rotta repentina.