Cronaca
Mappano

Bus 46: corse a singhiozzo

Chiesto il collegamento con Torino Stura per studenti e lavoratori.

Bus 46: corse a singhiozzo
Cronaca Torino, 20 Ottobre 2021 ore 11:39

Bus 46: corse a singhiozzo. Mappano chiede urgentemente un collegamento con la stazione Torino Stura per agevolare studenti e lavoratori che devono raggiungere quotidianamente il capoluogo piemontese.

Bus 46 a... singhiozzo

La scorsa settimana si è tenuta una riunione tra gli amministratori comunali, l'Agenzia Piemontese per la Mobilità e la Regione Piemonte che stanzia i fondi per i trasporti pubblici. L'argomento portato all'ordine del giorno ha riguardato, prioritariamente, i mancati passaggi delle corse del bus 46 in strada Cuorgnè (nella foto), evidenziati da una recente interrogazione presentata dal Movimento Cinque Stelle nell'assemblea regionale. In particolare s'osserva una netta differenza da quanto indicato sui documenti, cioè il passaggio delle navette ogni dodici minuti, dalle 7 alle 9 del mattino, e la realtà in cui le persone restano spesso a terra.

Chiesti maggiori controlli

L'assessore Massimo Tornabene chiede maggiori controlli: “L'assessore regionale Marco Gabusi ha sollecitato l'Agenzia Piemontese per la Mobilità affinché eserciti un controllo sulla Gtt, allo scopo di coprire tutte le linee programmate e sovvenzionate sul bus 46. Infatti l'azienda lamenta penuria di mezzi per effettuare le corse. Quest'ultime sono carenti soprattutto nella fascia oraria 7-8, quando i pendolari sono costretti a viaggiare uno attaccato all'altro, alla faccia del distanziamento sociale richiesto dalle norme anti-Covid 19”.

Collegamento con corso Vercelli

Molto dibattuta è stata anche l'esigenza di collegamento veloce con corso Vercelli, dove è presente un istituto superiore. Conclude Tornabene: “Due sarebbero i vantaggi. Per prima cosa i mappanesi avrebbero la possibilità di arrivare in centro città su rotaia. Secondariamente la stazione si trova nelle adiacenze del liceo “Giordano Bruno”. Una scuola con circa 1.000 studenti. Di questi una buona percentuale è composta da ragazzi residenti anche a Leini e Mappano”.